Francesco: la guida di Locarno Kids

Dopo averci accompagnato per dieci giorni durante il nostro tour di interviste, il nostro Francesco ci ha raccontato la sua esperienza a Locarno Festival.

Où trouvez-vous vos idées ?

Les idées pour le Festival ne viennent pas de moi, il y a quelqu’un d’autre qui a les idées : par exemple, il y a le directeur artistique qui choisit les films, l’autre directeur qui va penser à toute la partie de l’organisation du Festival. Toutefois il faut que moi-même j’ai un peu de fantaisie pour faire mon travail : j’ai fait des interviews, comme toi, et don là j’ai dû penser aux questions et à la manière de conduire les interviews.

Avez-vous créé Locarno Kids ?

Malheureusement non, mais j’aurais aimé l’avoir créé parce que c’est une idée fantastique ! Si j’étais petit comme toi, j’aurais bien voulu faire les laboratoires.

Qu’est-ce que vous aimez dans Locarno Festival ?

J’aime l’atmosphère du Festival : il y a beaucoup de personnes qui viennent de toutes les parties du monde. Ces personnes aiment tous la même chose, c’est à dire le cinéma.

Est-ce que vous pensez que l’année prochaine existera encore Locarno Kids ?  

J’espère que oui et je suis aussi plutôt sûr que Locarno Kids sera encore présent.

Est-ce que vous êtes satisfait de votre travail ?

Oui.

Quels sont les appareils électroniques que vous utilisez pour faire votre travail ?

 Je travaille surtout avec mon ordinateur dans mon bureau. Toutefois quand je vais faire les interviews j’utilise aussi les caméras et les microphones.

Est-ce que vous êtes ami de Francesco de ce matin ? 

Oui. J’ai connu Francesco il y a quelque semaine et je crois qu’il est très sympa et gentil ; nous sommes devenus amis.

Da quanto tempo lavora per Locarno Kids?

Io lavoro da poco per il Festival di Locarno; ho lavorato per altri festival, sia di cinema che di altro. C’è da dire però che a me il cinema piace molto, perciò ogni volta che posso lavorare in questo campo lo faccio volentieri. A Locarno lavoro da due mesi: poco dopo aver cominciato, ho preso in mano una parte di Locarno Kids.

In cosa consiste il suo lavoro? 

Io sono nel settore marketing e sponsorship che comprende però tanti aspetti. Siccome non lavoro da tanto al Festival, ho voglia di seguire il maggior numero di progetti possibile perché voglio approfittare di questo tempo. Tra questi tanti progetti c’è Locarno Kids, del quale mi occupo principalmente della sua parte operativa, seguo ciò che succede ogni giorno e cerco di risolvere i problemi.

In cosa consiste, invece, il lavoro nel marketing?

Il marketing è qualcosa di enorme e si devono fare tantissime cose, e ci sono molti modi per farlo. L’obiettivo è che la gente venga a Locarno Festival, che decida di spendere un po’ dei suoi soldi per vedere un film e non vederlo dal computer, quindi che decida di spostarsi, prendendo la macchina, il treno, l’aereo, e di comprare il biglietto per sedersi in Piazza Grande. Noi quindi ci occupiamo di abbellire la città, così che il Festival sia attrattivo per il pubblico anche sotto questo aspetto.

Quante ore al giorno dedichi al marketing? 

Dipende; durante questi giorni del Festival si fanno molte più cose, ma generalmente direi una normale giornata lavorativa. C’è però da dire che mi piace così tanto che non mi pesa, mi sembra quasi di non lavorare.

Quante ore lavori, invece, per Locarno Kids? 

Le ore necessarie, non so contarle: se sono necessarie otto ore al giorno solo per Locarno Kids, le faccio; se invece c’è bisogno solo di un’ora, faccio un’ora.

È faticoso lavorare per tutti e due gli ambiti?

Fisicamente è faticoso, però è bello; inoltre le giornate passano veloci quando hai tante cose da fare. Alla fine della giornata sono stanco, ma anche molto soddisfatto.

Da quanto tempo lavori nel marketing? 

Da quando ho finito l’università, cioè circa da due anni, e mi sono sempre occupato del marketing di eventi culturali.

 

Intervista a cura di Louise e Naike

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *