(Italiano) Sulle vie della comunicazione con Giulia e Vanessa

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Abbiamo intervistato Giulia e Vanessa, due ragazze appartenenti al team della comunicazione del Locarno Festival. Ecco cosa ci hanno raccontato.

Quanti anni avete?

Giulia: Io 26.

Vanessa: Io 24.

Perché avete deciso di lavorare al Festival quest’anno?

V: Allora, io ho finito di studiare all’università e volevo fare uno stage un po’ creativo e internazionale, così ho trovato questo posto al Locarno Festival e mi sono iscritta.

G: Io ho finito di lavorare in Italia e dopo ho deciso di vivere un’esperienza internazionale, in modo da poter anche mettere in pratica le lingu

e e perché Locarno è una bellissima città, si è presentata quest’opportunità speciale.

Cosa succede a lavoro?

G: Ogni giorno è diverso.

V: Durante il festival può capitare di tutto, per esempio ci sono giornalisti che vogliono fare un’intervista all’ultimo minuto. Inoltre, bisogna organizzare la sala, i trasporti, bisogna essere un po’ flessibile e avere pazienza.

G: Ci capita anche di correggere testi, che poi magari dobbiamo pubblicare sul sito per fare delle comunicazioni riguardo a determinati temi, eventi.

Anche lavorando al Festival riuscite a vedere qualche film? E se sì, quali?

G: Abbiamo poco tempo però a noi e capitato di essere andati a vedere in piazza grande BlacKkKlansman.

V: Ci siamo presi un po’ di pioggia, però è stato emozionante e bello perché vedere tutta la piazza che si riunisce per vedere un film è molto bello. Generalmente i film riusciamo vederli alla sera perché durante il giorno lavoriamo fino alle sei, quindi prima non riusciamo a vedere i film.

Da quanto tempo lavorate per il Festiv

al?

 

G: Io lavoro da un mese e mezzo.

V: Anche io.

Com’è trovarsi in questo grande Festival? 

V: È molto bello ed emozionante p

erché conosci altre persone di diversi settori, come giornalisti di tutto il mondo. A volte hai anche l’opportunità di vedere registi e attori famosi e poi co

nosci altre persone e stringi nuove amicizie.

G: Sì, è veramente bello, si sta tutto il giorno con i colleghi, si fanno tantissime cose insieme, quindi alla fine, secondo me, il Festival diventa come una grande famiglia. e comunque e una esperienza molto stimolante perché facciamo tante cose diverse e tutte molto interessanti.

Va tutto bene a lavoro?

V: Sì, va tutto bene a lavoro. A volte abbiamo delle emergenze all’ultimo minuto e in quel caso siamo un attimo stressati però generalmente va tutto bene.

G: Confermo.

Come mai il logo del Festival e un leopardo?

G: In teoria sì. Si voleva riprendere il simbolo della città di Locarno che è un leone, poi, però, per far sì che stesse bene con lo spirito del festival, credo che abbiano scelto il leopardo.

Quale il vostro giorno più bello del vostro lavoro 

G: Il giorno più bello? È difficile, in ogni giornata ci sono dei momenti molto belli ed è quindi un po’ difficile scegliere un giorno unico. Sicuramente molto emozionante è stato il primo giorno, quando è iniziato il festival. Abbiamo potuto vedere come abbiamo comunicato il festival, come le persone hanno recepito il messaggio e come le persone stavano arrivando con la voglia di vedere i film. Penso che anche l’ultimo giorno sarà emozionante, quando sapremo come sarà andato il Festival.

V: Forse anche quando arrivano i personaggi un po’ più famosi.

Voi due siete amiche?

V: Sì, siamo amiche! Lavoriamo tutto il giorno insieme, e quando si sta con la stessa persona per così tanto tempo alla fine ci vai d’accordo.

Che studi avete fatto?

V: Io ho studiato comunicazione ed economia all’università di Zurigo.

G: Io prima ho studiato lingue a Venezia insie

me a politica internazionale e poi ho fatto economia del turismo, sempre a Venezia.

Qual è il vostro colore preferito?

V: Il rosso!

G: Anche il mio!

V e G.: …anche se dovrebbe essere giallo e nero.

Se fossi un giornalista come potrei entrare a far parte del festival?

V: Bisogna fare la richiesta, devi far vedere che ti interessa il festival, e che magari hai già scritto degli articoli che parlano di questo, poi dopo che hai inviato la richiesta il festival la valuta e decide di farti entrare sì o no, e se ti accettano allora puoi cominciare a fare interviste.

Conoscete qualche giornalista o scrittore che lavora per il festival?

Sì, perché siamo tutti nello stesso ufficio, e c’è anche il LocarnoDaily che ha il tavolo dietro al nostro, quindi sì conosciamo dei giornalisti e degli scrittori.

Quanti giornalisti vogliono partecipare al Festival?

V e G: Mah.. al festival ce ne saranno circa mille, però non vengono accettati tutti, ci sono delle selezioni, devi dimostrare che lavori per un giornale importante e che hai scritto articoli anche su dei film.

Quali sono i personaggi che i giornalisti vogliono intervistare maggiormente?

V: Le persone famose e quelle che hanno vinto il Pardo d’oro.

Avete già incontrato qualche ospite speciale?

G: Io, sì, ho incontrato due registi famosi, e ho avuto la fortuna di seguire le loro interviste. Poi ho anche conosciuto Kate Gilmore, che è l’alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, sempre seguendo le interviste. Quindi sì, un paio di persone le ho incontrate.

V: io invece ho visto Meg Ryan e Ethan Hawke.

Dove alloggiano gli ospiti speciali?

V: Negli alberghi più belli di Locarno.

In cosa consiste il vostro lavoro?

V: Siccome siamo stagiste abbiamo diverse mansioni. Specialmente prima del Festival ci occupiamo di correggere testi e traduzioni. G: Sì, traduzione di testi, comunicati stampa, news, contenuti che verranno pubblicati sul sito, etc. Ci occupiamo anche delle comunicazioni interne. Inoltre ci occupiamo delle sale. Oppure di organizzare i trasporti, delle cene e dei pranzi per alcuni giornalisti.

G: Io ho avuto modo di collaborare al programma per alcuni ospiti che arrivano, controllare che ci sia tutto, che tutto corrisponda, organizzare gli appuntamenti con i giornalisti.

Come si organizza una conferenza stampa?

G: Noi non ne abbiamo mai organizzata una direttamente. Abbiamo aiutato a organizzare la sala, controllare che la presentazione in PowerPoint funzionasse. Ci sono tanti elementi che entrano in gioco durante una conferenza stampa.

Qual è la parte che più preferite del vostro lavoro?

V: Sono felice che ogni giorno ci sia qualcosa di diverso, È bello che il lavoro sia variegato.

G: Inoltre è molto bello potersi confrontare ogni giorno con colleghi diversi. Il team è molto bello e tutti collaborano con tutti. In questo modo impari da tutti sempre cose nuove.

A volte capita che ci siano complicazioni sul lavoro? E se sì, quali?

V e G: Sì, ci sono.

V: Può capitare che alcuni giornalisti vogliano fare un’intervista all’ultimo minuto. Capita anche che alcuni disdicano, il che causa chiaramente cambiamenti nel programma.

A che ora iniziate a lavorare la mattina?

V e G: Non troppo presto, alle nove. Non è così terribile.

Da quanto esiste Locarno Kids?

G: L’iniziativa è nata l’anno scorso e quest’anno stiamo cercando di ampliarla, implementando altre attività. Speriamo che possa continuare anche il prossimo anno.

Quanto è importante Locarno Kids?

G: È molto importante perché Locarno Kids ha l’obiettivo di formare le persone che in futuro andranno al cinema e si interesseranno a tutto gli eventi che ci sono dietro. È molto importante perché si aiuta le persone ad alimentare questa passione.

Perché avete deciso di fare Locarno Kids?

V: Spesso si pensa che il cinema o il festival del film sia per adulti, però anche i più piccoli hanno tanti interessi in questa direzione.

Cosa pensate dei nostri laboratori?

G: Io trovo che siano interessantissimi. Infatti vi invidio molto! NewsLab, per esempio, è bellissimo. È sempre un’esperienza nuova, perché anche noi quando ascoltiamo queste interviste che fate impariamo sempre cose nuove. Ho anche avuto modo di vedere l’AnimationLab, ed è stato fantastico vedere come si creano le sequenze dei film. L’iniziativa è molto bella perché permette di dare tanto spazio alla fantasia.

Vi piace stare con i bambini?

V e G: Sì, molto!

 

Intervista a cura di Agata, Rossana, Elisa, Matteo e Natnael